Cari Colleghi,

abbiamo pensato di estendere anche a noi liberi professionisti operanti nel territorio toscano, le raccomandazioni contenute nell’ultima ordinanza del Presidente della Regione Toscana rivolta ai MMG, Consultoriali e Ospedalieri.

Tali disposizioni tese a contenere l’espansione del Coronavirus, interessano tutti noi sia che  lavoriamo in studio da soli o con altri professionisti, spesso anche con i  Medici di Medicina Generale.

Si tratta di raccomandazioni e procedure operative che si stanno modificando nei giorni a seconda della evoluzione sia dei quadri epidemiologici che clinici.

Vi suggeriamo pertanto di verificare su siti ufficiali l’evoluzione delle procedure e delle raccomandazioni:

https://www.regione.toscana.it/-/coronavirus

https://www.ordine-medici-firenze.it/

https://www.epicentro.iss.it/#itoss

https://lab.gedidigital.it/gedi-visual/2020/coronavirus-i-contagi-in-italia/

 

Troverete in allegato una sintesi di quanto indicato nell’Ordinanza 5 della Regione Toscana e del Documento operativo della Asl TC con evidenziati i punti utili per avere ben chiaro cosa vuol dire ‘contatto stretto’ con caso positivo (es: essersi stretto la mano) al fine di far capire il motivo e la necessità di modificare almeno per qualche mese alcuni nostri comportamenti abituali e spontanei.

https://www.regione.toscana.it/documents/10180/24263283/circolare+ministeriale+6360+del+27+febbraio+2020.pdf/11c927d6-7ace-48ab-893d-142e3e189c07?t=1582901870067

 

I motivi per cui si sta cercando di limitare il più possibile la circolazione del virus sono dettati dalla alta virulenza/trasmissibilità e dalle complicazioni, che quando presenti richiedono il ricovero per periodi prolungati nelle terapie intensive con rischio di saturazione dei posti letto dedicati, sappiamo comunque che circa l’80% dei casi di infezione decorre in modo pauci-sintomatico.

Piano piano sta venendo meno il criterio ‘epidemiologico’ visto che la diffusione del coronavirus è ormai al di fuori delle zone focolaio, dette anche zone ‘rosse’ per le quali è stata applicata la quarantena.

Quindi è necessario applicare in modo rigoroso ad ogni cittadino/paziente le misure essenziali suggerite anche al fine di ridurre il rischio che noi stessi, inconsapevolmente, possiamo essere vettori di malattia.

Come previsto nelle Ordinanze della Regione Toscana è assolutamente necessario accertarsi che il paziente che ha fissato l’appuntamento non presenti sintomi simil-influenzali o rialzi febbrili, magari con una telefonata o mail di conferma il giorno precedente, in caso di risposta positiva è opportuno rimandare l’appuntamento, riprogrammandolo una volta che la sintomatologia sia risolta.

La sala d’Attesa non deve essere affollata per cui prendere appuntamenti dilazionati nel tempo.

Igiene delle mani: ad ogni visita lavarsi le mani con sapone o gel, è suggerita l’applicazione di  una dose di gel disinfettante versandolo direttamente sulle mani di ogni paziente che entra in ambulatorio.

Mantenere la distanza droplet (1-1,5 mt) tranne quando per le manovre mediche non sia possibile.

Nella stanza di visita è consigliabile disinfettare le superfici interessate (es la scrivania o altre superfici interessate) fra un paziente e l’altro con alcool o amuchina .

Areare la stanza.

Tali norme sono necessarie per arrestare l’espandersi della malattia, proteggere noi, i nostri pazienti e i nostri familiari (se noi diventiamo affetti, mettiamo in situazione di isolamento domiciliare anche i nostri familiari).

Noi specialisti, come tutti i medici siamo coinvolti in questa azione.

Anche se il nostro lavoro potra’ momentaneamente ridursi è fondamentale partecipare attivamente alle azioni di informazione corretta e consapevole oltrechè a mettere in atto ogni azione adeguata.

Sappiamo che vi è penuria di gel disinfettanti per mani, ma vi segnaliamo che alcune farmacie li stanno producendo in modo galenico osservando le raccomandazioni della Società Italiana Farmacisti Preparatori (S.I.F.A.P.).

Ci auguriamo di aver contribuito ad una maggiore consapevolezza e di averti fornito strumenti di approfondimento.

Buon lavoro.

Dr.ssa Patrizia Faltoni   Delegato AGEO per la Toscana

Dr.ssa Barbara Baldini  Medico MG e ginecologo libero professionista Firenze

 

Firenze 07/03/2020